Chi sceglie per primo, “questa volta” non vincola la controparte – Marisa ABBATANTUONI

A distanza di pochi mesi dalle sentenze della CTR Reggio Emilia, sez. II, 12 ottobre 2017, n. 245 e della CTR Lombardia n. 5082/2017 del 5 dicembre 2017, torniamo ad affrontare il dibattuto tema delle modalità applicative del PTT. L’occasione è data dalla sentenza n. 104/2018 della CTP di Foggia sez. IV (Presidente Pecoriello, relatore Nardelli) depositata in data 5 febbraio 2018. Fa da sfondo alla questione che qui interessa, l’impugnazione di alcuni atti di intimazione di pagamento che il contribuente asserisce di non conoscere in quanto mai notificati. La strada del ricorso diventa quindi l’unica percorribile per evitare la fase esattiva. Il ricorrente decideva per la notifica dello stesso nella consueta forma cartacea e la costituzione presso la CTP di competenza seguiva la medesima forma. L’Agente della riscossione, al contrario, si adoperava per una costituzione in forma telematica che veniva prontamente contestata dal ricorrente nelle memorie e art. 32 D.lgs 546/1992. L’eccezione d’inesistenza della costituzione dell’Ufficio si fondava sulla giurisprudenza che riteneva necessario proseguire il processo in forma cartacea nel caso l’avvio del giudizio fosse avvenuto, come nel caso de quo, con tale modalità. Tra le sentenze a sostegno della tesi del ricorrente la CTP di Foggia sez. II sentenza n. 1981/2017, CTP Reggio Emilia n. 245/2017 ed inoltre CTP Rimini sez. II n. 425/2017. Proprio quest’ultimo pronunciamento a firma del Presidente Sandro Gianni motivava come segue “Conseguentemente, qui riprendendo l’esame del relativo ricorso, sulla premessa che la parte qui ricorrente, comunque ha introdotto il ricorso in modo cartaceo (deposito del ricorso presso il front office dell’Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale di Rimini, in data 24/04/2017, mediante consegna diretta, come da attestazione in atti, e art. 22 D.Lgs n. 546/1992; deve essere qui affermato, peraltro, che la costituzione in giudizio delle parti, nel caso di specie, doveva avvenire, quindi, con modalità in cartaceo, avendo appunto il difensore di parte ricorrente introdotto il relativo ricorso in modo cartaceo”. Orbene, la CTP di Foggia al contrario, nel recentissimo pronunciamento afferma l’indipendenza delle scelte dei due contendenti nell’adozione dello strumento telematico o cartaceo, escludendo che le modalità di costituzione in giudizio del ricorrente possano vincolare quelle del resistente. La normativa art. 2, comma 3 del DM n. 163/2013 MEF e ss., affermava il Collegio pugliese, si riferisce alla vincolatività della scelta dello strumento nei confronti della stessa parte processuale, che non potrebbe optare per la notifica via PEC del ricorso e poi procedere con la costituzione telematica, ed ancora optare per lo strumento telematico in 1° e successivamente cartaceo in 2°, o viceversa, tranne nel caso di sostituzione del difensore. Il Collegio, evidenzia un aspetto processuale non affrontato nelle suindicate e precedenti sentenze ed afferente alla denuncia dei vizi processuali, e come nel caso di specie quello relativo all’inesistenza della costituzione dell’Ufficio. Difatti, si argomenta che l’eccezione in merito ad un vizio procedimentale è inammissibile nel caso non prospetti anche gli effetti che tale violazione abbia comportato nell’esercizio del diritto di difesa cfr Corte cass. SSUU, n. 765 del 18 aprile 2016, in quanto la denuncia di vizi processuali non tutela l’interesse alla regolarità del giudizio, ma garantisce tutela alla parte che abbia eventualmente subito un pregiudizio al diritto di difesa. I Giudici pugliesi, non ravvisando né una preclusione del diritto di difesa, né un pregiudizio per la decisione finale del giudice, concludono quindi per l’inammissibilità dell’eccezione formulata. Risulta di palmare evidenza che le modalità applicative del PTT nelle differenti Regioni italiane viene recepito dai GT delle rispettive CT in modo difforme, tanto da lasciare il contribuente e l’Ufficio in un limbo indefinito che necessita di uniformità applicative nel brevissimo tempo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail